Il treno dei bambini

Voto medio di 416
| 82 contributi totali di cui 78 recensioni , 3 citazioni , 1 immagine , 0 note , 0 video
È il 1946 quando Amerigo lascia il suo rione di Napoli e sale su un treno. Assieme a migliaia di altri bambini meridionali attraverserà l’intera penisola e trascorrerà alcuni mesi in una famiglia del Nord; un’iniziativa del Partito comunista per stra ...Continua
Sara
Ha scritto il 29/05/20
Il treno dei bambini

Libro appassionante che racconta inoltre una pagina della storia del nostro dopoguerra poco nota. Molto toccante l aspetto del difficile legame tra madre e figlio e della visione del protagonista, una volta adulto, della sua infanzia.

SimiBunny
Ha scritto il 29/05/20
SPOILER ALERT
È difficile che io dia 5 stelle ad un libro ma questo se le merita tutte. Ho apprezzato tantissimo la prosa della Ardone, semplice, lineare ma incisiva. Ha saputo tratteggiare un protagonista bambino nella maniera perfetta, sveglio e intelligente, se...Continua
Santina Raschiotti
Ha scritto il 29/05/20
SPOILER ALERT
Bello ma sarebbe potuto essere Bellissimo
La prima parte del libro è meravigliosa, la voce di un bambino napotelano che racconta il suo "esilio" per motivi di necessità economiche è di una tenerezza e anche freschezza davvero riuscita. Credo però che la parte di Amerigo adulto perda un po',...Continua
Rosaria Luisa...
Ha scritto il 26/05/20
Riscoprendo una pagina importante della storia del nostro paese, Viola Ardone emoziona e coinvolge con un racconto vero, intenso, struggente. Commuove e fa sorridere la tenera e scanzonata voce di Amerigo, alle prese con il dialetto emiliano, la mort...Continua
Morena
Ha scritto il 26/05/20
A Napoli nel 1946 il dopoguerra è particolarmente duro: migliaia di persone soffrono la fame, specialmente bambini, le cui famiglie non riescono a garantirne il sostentamento. Il Partito Comunista per aiutarle organizza un viaggio nel nord Italia, i...Continua

lollobrigida
Ha scritto il May 05, 2020, 15:49
Amerì, a volte ti ama di più chi ti lascia andare che chi ti trattiene.
Isabella Cappellesso
Ha scritto il Mar 25, 2020, 09:30
Chi ti manda via ti vuole bene? - Amerí, a volte ti ama di più chi ti lascia andare che chi intrattiene.
Isabella Cappellesso
Ha scritto il Mar 25, 2020, 09:29
Pure a me piacerebbe scomparire, qualche volta, ma noi nel Meridione la nebbia non ce l'abbiamo ancora

Jejelilla
Ha scritto il Jan 30, 2020, 08:39

Nulla, nulla al mondo potrà mai sostituire una madre!!!!

- TIPS -
Nessun elemento trovato
Aggiungi per primo una nota!

- TIPS -
Nessun elemento trovato
Aggiungi per primo un video!

Lorem Ipsum Color sit Amet
di Nome Autore
Lorem ipsum dolor sit amet, consectetur Suspendisse varius consequat feugiat.
Scheda libro
Aggiungi